ricette per bambini

In cucina con i bambini

Stare in cucina con i bambini, a volte, è un toccasana! Metti la giornata di pioggia o di freddo, oppure i periodi di chiusura “forzata” come quelli che abbiamo vissuto in questo ultimo anno! In cucina il tempo volta e mi sono resa conto che si impara tanto.  Nella mia esperienza da mamma non ho trovato posto migliore per educare e per trasmettere. 

Quali sono i piatti che hanno più successo con i bambini?

Quelli semplici e quelli fatti in casa, possibilmente con il loro contributo! Avete in mente il viso di un bambino mentre spacca le uova, gioca con la farina o crea forcine con la verdura? 

In cucina si pasticcia, si esperimenta, si sporca.  Allo stesso tempo, ci sono regole, si attende, si pulisce. 

Personalmente ho potuto constatare un incremento dell’autostima e della fiducia in se stessi: Giorgia per esempio si sentiva fiera del risultato ottenuto, apprezzava di più quello che veniva servito a tavola e imparava una nuova tecnica manuale (oltre ad imparare riconoscere sapori e profumi nuovi).

La cucina per noi è uno spazio dedicato anche al gioco (sempre in sicurezza!): la sperimentazione mescolando con i vari ingredienti, il gioco con la farina, lo zucchero, la scoperta delle diverse sensazioni al tatto ed i diversi sapori. Infine, la soddisfazione di essere riusciti a creare qualcosa con le proprie manine.

quarantaquattropiatti.it
In cucina con i Bambini

Insomma il gioco in cucina ha semplificato tantissimo il rapporto con il cibo! 

Tutte le preparazioni, servite a regola d’arte o decorate, potranno poi diventare, anche confezionate se possibile , regali da fare agli amichetti, al papà o alla nonna, per ricordare loro quanto  in cucina i bambini ci sanno fare davvero.

Prima di iniziare un premessa importantissima: la cucina sarà sotto sopra dopo, ma il tempo passato insieme avrò un valore unico.

In cucina con i Bambini

Ecco, quindi, le “Golden Rules” (e trucchetti furbi) per cucinare insieme ai bambini!

  1. Prima di iniziare però, è vitale stabilire le regole da seguire (cosa non si tocca, cosa non si fa). Questo possono essere messe per iscritto su una lavagnetta insieme ai bimbi: saranno le regole per diventare piccoli pasticceri (o piccoli cuochi).
  2. Abbandoniamo l’attrezzature pesanti, quelle pericolose (che semmai verranno usate solo dagli adulti o con l’aiuto degli adulti)
  3. Lasciamo da parte attrezzature non consentono di sviluppare l’autonomia dei bimbi (se possibile) e diamo spazio alla creatività ed alla manualità.
  4. Per creare lo spazio idoneo in cucina per cucinare insieme, basterà davvero poco: allestite un’angolo, che sarà il vostro piccolo laboratorio, togliete qualunque utensile pericoloso o che non sia adatto all’età del bambino.
  5. Nel frattempo potete occupare il vostro bimbo con il disegno dell’insegna del laboratorio. Lasciate che scelga lui/lei i colori e, soprattutto il posto dove verrà appeso. In questo angolino, dovrete avere abbastanza spazio per stare in due o tre (o di più!).
  6. In genere un tavolo spazioso è l’ideale: andrete poi ad organizzare gli ingredienti, mettendoli sul tavolo. Non occorre che li pesiate, perchè a seconda dell’età del/la bambino/a, sarà un’attività che potrà essere delegata. 
  7. Ora vi troverete davanti al vostro spazio, pronto per cucinare: qui il trucco sta dare compiti specifici ad ogni partecipante, tenendo ben presente le regole stabilite. In questo modo eviteremo discussioni e litigi!
  8. I bimbi più piccoli potranno occuparsi delle mansioni più semplici, per esempio, pesare il burro, versare il latte, setacciare la farina, mescolare uova e zucchero. 
  9. Noi adulti entreremo in scena ogni volta che bisognerà fare una procedura pericolosa, come quelle che prevedono l’utilizzo di coltelli,  l’apertura del forno acceso o l’utilizzo dei fornelli.  Per il resto, lasceremo che siano loro a regolarsi, nella modalità, nella velocità, ma sopratutto con l’estetica della preparazione!
  10. Tutti contribuiscono, in base alle proprie capacità, a rimettere in sesto la cucina. Ci sono anche delle canzoni che possiamo mettere per accompagnare quest’attività (Mettiamo Via ; Clean Up )
quarantaquattropiatti.it
In cucina con i Bambini

i Consigli FURBI!

  • Se ci sono fratellini molto piccoli, basterà dare a loro una ciotola con un po di farina ed acqua, giocheranno un po’ come se fosse pongo. Possiamo occuparla anche con trovarsi (noci o ceci), e se siamo molto sportive, possiamo farli anche con dell’acqua (con aggiunta di coloranti alimentari).
  • Il riordino della cucina ed il lavaggio fanno parte delle regole, scrivetelo prima sulla lavagna!
  • Puntate sull’abbigliamento adatto: in commercio ci sono grembiuli (anche personalizzati con il nome!) ed attrezzi da cucina per bambini: il bambino si sentirà subito professionista e protagonista!
  • Siamo noi a dover dare l’esempio: per ottenere l’attenzione ed il rispetto delle regole è necessario dare per primi il buon esempio, non solo nel eseguire i lavori e la preparazione, ma anche nel rispetto delle regole stabilite insieme.

Facciamoci FURBE anche noi!

Anche noi mamme abbiamo bisogno di un tornaconto, diciamocelo! Queste regole possono essere applicate anche singolarmente, ogni giorno e, in questo modo, stabilire la regola che si apparecchia la tavola tutte le sere insieme. Ogni bimbo avrà un ruolo ed un compito.

Lo stesso vale per il riordino serale, per rimettere i piatti in lavastoviglie, per caricare la lavatrice e cosi via! Ogni parte della casa può diventare un “ufficio apposito” con tanto di insegna e piccole semplici regole!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *